Ho 50 anni, sono celiaca ed ho il ferro basso. Posso prendere un integratore?

Ho 50 anni, sono celiaca ed ho il ferro basso. Posso prendere un integratore?

L’assunzione di integratori di ferro può diminuire l’assorbimento di alcuni farmaci (tetracicline, penicillamina, chinoloni, bifosfonati, levodopa) mentre, al contrario, altri medicinali (inibitori della pompa protonica, antiacidi contenenti sali di alluminio e magnesio) possono ridurre l’apporto del ferro.

Anche l’assunzione concomitante di integratori contenenti zinco, magnesio e calcio può diminuire l’assorbimento del ferro.

Alcune sostanze alimentari, come i fitati (contenuti nella crusca e in molti cereali), gli ossalati (spinaci, patate, fagioli) e i tannini (tè, vino) possono ridurre la biodisponibilità del ferro.

  • È bene quindi tenere sempre presente queste informazioni quando si inizia a prendere il ferro, la cui assunzione va preceduta, tre ore prima, da un inibitore di pompa.

La carne ben cotta è più digeribile, ma con la cottura i sali minerali dei tessuti tendono a defluire con l’acqua di cottura, mentre se si tiene più cruda è possibile migliorare l’apporto di ferro e potassio. Inoltre, alcune vitamine importanti (la B1 e la B2) tendono a inattivarsi con il calore.

Le ricordo, infine, che qualora non tollerasse il solfato ferroso potrà tranquillamente sostituirlo con il ferrotone.

 

Fonte: un articolo del dottor Giuseppe Rovera, responsabile scientifico del Centro per i disturbi alimentari del Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro (Bg), Gruppo ospedaliero San Donato – tratto da Viversani e Belli, 13/05/16
Fonte immagine: http://www.telestense.it/1780764_710250059006632_646335529_n-2

 




Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *