Noce di Sorrento (presidio Slow Food)!

Noce di Sorrento (presidio Slow Food)!

Nella penisola sorrentina si coltiva un tipo di noce molto pregiata. I frutti hanno pezzatura media, forma ovale regolare con base arrotondata e apice leggermente appuntito, guscio sottile color cannella chiaro; il gheriglio è chiaro, voluminoso, tenero, croccante e ha un sapore gradevole e delicato.

La raccolta (bacchiatura) si esegue da settembre a fine ottobre, a seconda della zona: si procede alla battitura con lunghe pertiche di castagno oppure ci si arrampica sulle piante.

Le noci sono commercializzate fresche, appena raccolte, oppure si fanno essiccare su graticci all’aperto.

Le ricette tipiche della costiera con lei come ingrediente sono molte: salse, spaghetti, biscotti, torroni, semifreddi e il famoso liquore chiamato nocino o nocillo.

Nonostante la penisola sorrentina sia stata il centro di diffusione della noce verso il resto della Campania e abbia fornito il materiale genetico per selezionare la cultivar più diffusa ancora oggi in Italia, la Sorrento, paradossalmente su questo territorio la coltivazione del noce oggi è in uno stato di abbandono. Il Presidio nasce per riattivare la microeconomia locale e scongiurare il rischio della sua scomparsa.


Noce della penisola sorrentina

Area di produzione: Comuni di Vico Equense, Meta, Pìano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento, Massa Lubrense, Capri e Anacapri, Castellammare di Stabia (relativamente alle pendici del Monte Faito), Agerola e Pimonte (provincia di Napoli).

 

Fonte: un articolo di Francesca Baldereschi su Nuovo Consumo, dic. 2019
Fonte immagine: https://www.territori.coop.it/territori/noci-di-sorrento-un-eccellenza-dal-cuore-campano

 

 

Noci di Sorrento Sgusciate – 1000
€25,99
Acquistale ora da questo link

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us