I cibi amici del cervello!

Risultati immagini per barbabietola rossa

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale per il nostro organismo e, in particolare, per il cervello: il cibo è infatti il suo carburante naturale.

Su questo tema si è espressa in modo chiaro Lisa Mosconi, vicedirettrice della Clinica per la prevenzione dell’Alzheimer a New York ed esperta di nutrizione cerebrale, nel suo Nutrire il cervello – Tutti gli alimenti che ti rendono più intelligente (Mondadori).

La neuroscienziata ha messo insieme una serie di nuovi studi identificando i nutrienti contenuti in alcuni cibi particolarmente utili per far funzionare al meglio il nostro cervello, per proteggerlo nei naturali processi d’invecchiamento e conservare il più a lungo possibile tutte le facoltà mentali.

  • Ogni giorno quest’organo riceve i nutrienti attraverso l’assorbimento del flusso sanguigno; essi vengono incorporati nel tessuto cerebrale e servono sia a fare scorta sia ad attivare le reazioni cerebrali. E se, come sappiamo, il cervello è formato per l’80 per cento di acqua è naturale che l’elemento essenziale per il suo buon funzionamento sia proprio l’acqua.

Niente acqua, niente energia“, scrive la neuroscienziata. E anche una minima perdita di acqua, come una diminuzione del 3-4 per cento, può causare sintomi neurologici come mente annebbiata, affaticamento, vertigini e confusione. Non solo: gli studi hanno dimostrato che la disidratazione lieve (subclinica) fa restringere il cervello e perdere volume.

Ecco perché abbiamo bisogno di bere molto, il che significa circa 8 bicchieri d’acqua al giorno, ovvero tra 1,5 e 2 litri.

Oltre all’acqua, però, serve anche lo zucchero. “Quando il cervello ha bisogno di energia, si basa esclusivamente sul tipo di energia rapida dei carboidrati (gli zuccheri semplici) e in particolare uno zucchero specifico chiamato glucosio“, scrive ancora l’esperta.

  • “Il 99 per cento dell’energia cerebrale deriva dal glucosio in condizioni fisiologiche normali. Inoltre, il glucosio è il substrato di molti neurotrasmettitori (i messaggeri chimici del nostro cervello), come il glutammato e il Gaba, che costituiscono l’interruttore unico di tutte le nostre cellule cerebrali”.

Le fonti naturali di glucosio si trovano in cibi come cipolle, rape, la rutabaga (ortaggio violaceo simile alla rapa), il miele, lo sciroppo d’acero, l’uva, i kiwi e i datteri. Importantissima è la “caramella della natura”: la barbabietola rossa, che, anche se di piccole dimensioni, contiene ben il 31 per cento di glucosio necessario per tutta la giornata.

 

A questo link, trovi un altro articolo molto interessante che parla dei cibi giusti per il cervello.

 

Fonte: un articolo di Valeria Cudini, tratto da Intimità, 7/11/18

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us