Tutto il buono dell’avocado!

Risultati immagini per avocado

 

Non è tipico delle nostre terre, è un frutto tropicale, eppure l’avocado è sempre più spesso presente sulle tavole degli italiani. È senz’altro un’alternativa salutare, che da’ un tocco di originalità ai piatti tradizionali.

E da un punto di vista nutrizionale è una vera e propria ricchezza, ottimo per variare la nostra dieta.

«L’avocado è un frutto molto energetico, – spiega Evelina Flachi, specialista in Scienza dell’alimentazione e volto noto della Rai. – Ha un buon contenuto di minerali come fosforo, magnesio, potassio e vitamine, oltre che di acidi grassi omega 3, quindi è adatto a chi cerca fonti diverse dal pesce per arricchire la propria alimentazione di questi grassi buoni.Va benissimo inserirlo in piatti come insalatone, magari abbinandolo a frutta secca. È anche ricco di fibre, ha un indice glicemico basso ed è una buona fonte di carotenoidi come il beta carotene, precursore della vitamina A, oltre che di altre importanti vitamine come la D e la E: quest’ultima è un potente antiossidante».

Spazio alla fantasia, allora. Con la polpa di avocado si possono preparare anche gustose salse, ottime come condimento. «Basta frullarla e aggiungere un po’ d’olio extra vergine d’oliva, limone e qualche aroma per condire un piatto di penne integrali e ottenere un primo nutriente, senza usare altri ingredienti, – suggerisce l’esperta. – Un condimento così preparato è anche molto digeribile ed è particolarmente indicato soprattutto se il pasto precede un’attività fisica importante. Dopo l’esercizio fisico, invece, un frullato di polpa di avocado aiuta a recuperare i sali minerali persi».

QUANTITÀ E QUALITÀ

L’organismo riceve benefici dall’alimentazione quando questa è varia e bilanciata. Attenzione, quindi, a non esagerare con l’avocado, come con qualsiasi altro cibo, soprattutto se “ricco”, perché tutti i nutrienti devono essere ben distribuiti tra i pasti della giornata.

  • «Non esiste infatti l’alimento che da solo sia in grado di coprire tutte le esigenze nutrizionali, dunque mai eccedere con un singolo cibo, – raccomanda Flachi. – Avendo una buona quota di acidi grassi monoinsaturi, la polpa di avocado influenza positivamente il contenuto di colesterolo nel sangue, ma bisogna evitare di abbondare con la quantità».

Una porzione di polpa di avocado equivale a metà frutto, 100 g circa (un frutto pesa in media 200 g). «Per non eccedere con le calorie (230 circa per 100 g) potrebbe anche essere consumato come antipasto; oppure lo si può inserire nelle pietanze in fettine sottili in modo da integrare un piatto con vitamine e minerali senza superare l’energia totale. Anche l’avocado, quindi, deve essere introdotto in una dieta varia ed equilibrata per poter contribuire in modo salutare alla nostra alimentazione e al nostro benessere».

E in ultimo, particolare cura quando facciamo la spesa. «Cerchiamo di comprare un prodotto di buona qualità: potrebbe voler dire spendere un po’ di più, ma saremmo sicuri di sfruttare al meglio tutte le sue proprietà».

 

Fonte: un articolo di Francesca Leone su Intimità del 21/11/18, con la consulenza di Evelina Flachi,  specialista in Scienza dell’alimentazione

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us