Crudo, vivo e colorato. All’inizio di ogni pasto per un pieno di benessere!

Risultati immagini per frutta di stagione

Iniziare ogni pasto con qualcosa di “crudo, vivo, colorato”, è un semplice gesto che può fare la differenza per mantenere il benessere. Significa mangiare un pezzetto di frutta o di verdura non cotta e non condita prima di ogni altra cosa a tutti i pasti, prima colazione compresa.

È davvero sufficiente mangiare un pezzo di mela, una fragola, una ciliegia, un morso di finocchio, un pezzetto di sedano, un pomodorino o una rondella di cetriolo, prima di consumare il resto del pasto.

Si tratta di un’abitudine alimentare che aiuta a ridurre la fame, previene molte reazioni infiammatorie per il cibo, aiuta il controllo delle allergie, riduce l’indice glicemico del pasto e aiuta a ridurre l’assorbimento intestinale dei grassi poco sani.

Ovviamente poi, trattandosi di prodotti vegetali che contengono minerali e vitamine utili all’organismo, questo gesto contribuisce globalmente a mantenere salute e benessere.

Molti si chiedono che differenza ci sia tra mangiare questo piccolo pezzetto di frutta o verdura prima del pasto piuttosto che mangiare invece un po’ d’insalata durante il pasto o un frutto alla fine. Eppure è proprio il primo contatto con la mucosa digestiva, quello che avviene quando si inizia il pasto, che determina effetti diversissimi se la sostanza introdotta è cruda oppure se è cotta.

  • Una sostanza cruda, anche in piccola quantità, stimola il sistema immunitario, migliora le difese dell’organismo e predispone la digestione a funzionare nel migliore dei modi, grazie alla presenza di fibra e di enzimi freschi e attivi. Una sostanza cotta, anche se importante sul piano nutrizionale, perde invece molte di queste capacità.

L’effetto sull’appetito è proprio interessante: uno studio pubblicato nel 2012 sugli Archives of Internal Medicine, ha dimostrato che quando si arriva affamati al pasto, come accade spesso nella vita di ogni giorno, è il primo alimento scelto che occupa poi anche la parte più ampia del pasto stesso.

Così un pranzo, una colazione o una cena che inizino con la scelta di pasta, riso e pane, sarà costituito soprattutto da carboidrati a più rapido assorbimento e in misura molto minore da proteine o fibra e sali minerali (frutta e verdura).

Il contrario succederà invece qualora sia il “crudo vivo e colorato” a occupare la prima scelta. Un pasto iniziato con frutta e verdura fresca tende ad avere un impatto glicemico più basso di un qualsiasi altro che cominci in maniera diversa.

Sedersi a tavola scegliendo subito un pinzimonio, un’insalata o una carota, può aiutare a controllare le patologie legate alla glicemia quali diabete, obesità e malattie cardiovascolari e quelle legate all’infiammazione, favorendo la perdita di massa grassa inutile.

  • La ricchezza di frutta e di verdura estiva che la natura (e il nostro negozio) ci offrono, invoglia sicuramente a ricercare i colori del benessere e a farli diventare, quasi come in un gioco, parte integrante di abitudini sane di tutta la famiglia che aiutano a stare bene con semplicità e in modo naturale.

 

Fonte: “Da Noi”, pubblicazione Esselunga di giugno 2018 – a cura del dottor Attilio Speciani, medico allergo-immunologo, direttore scientifico GEK srl

 

La redazione di Alimentazione Sana consiglia il libro: Guida pratica alla Dieta GIFT. Per iniziare a conoscere e mettere in pratica un regime alimentare sano ed equilibrato – di Attilio Speciani e Luca Speciani

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us