Verdure: meglio cotte o crude?

Risultati immagini per verdure

Le verdure cotte tendono a perdere i loro nutrienti: questo vale soprattutto per le vitamine cosiddette termolabili, come la vitamina C, che tende a disperdersi con il calore della cottura.

La maggior parte delle vitamine, comunque, non è sensibile al calore e, se si utilizzano cotture brevi (come quella al vapore o una leggera scottatura), non si disperdono. Anche l’assunzione di sali minerali può essere salvaguardata attraverso la cottura al vapore o nella pentola a pressione.

  • Ci sono poi alcuni antiossidanti che ci fanno da scudo contro gli effetti negativi dei radicali liberi e rallentano l’invecchiamento e la degenerazione cellulare: è il caso, per esempio, del licopene contenuto nel pomodoro, che non solo non si disperde, ma aumenta la sua efficacia di 20 volte.

Esistono infine casi in cui la cottura sprigiona sostanze benefiche non presenti nella verdura cruda: succede con i broccoli, che quando vengono cotti producono
indolo-3-carbinolo, che aiuta a contrastare le cellule pre-cancerogene.

 

Fonte: una risposta del dottor Luca Piretta, medico nutrizionista, tratta da Sano & Leggero (Mela Rossa), febbraio 2018

 

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us