Tieni alla larga la colite con i broccoli…

Risultati immagini per broccoli

Per avere un intestino sano porta in tavola quotidianamente broccoli, cavolfiori o cavolini di Bruxelles.

A sostenerlo è uno studio pubblicato sul Journal of Functional Foods e condotto dai ricercatori della Pennsylvania State University, Stati Uniti, secondo i quali l’assunzione regolare di crocifere aiuta a prevenire la colite, ma anche il morbo di Crohn e i tumori del colon.

  • Questi ortaggi contengono glucosinolati indolici, composti chimici organici che, giunti nello stomaco, si scindono in altre sostanze, una delle quali è l’indolocarbazolo. Quest’ultimo si lega al recettore arilico per gli idrocarburi, una proteina presente nell’intestino che fa da «barriera» nei confronti di tossine e agenti patogeni.

Per giungere a queste conclusioni, gli esperti hanno modificato geneticamente dei topi, facendo in modo che alcuni avessero un’alta e altri una bassa capacità di legame tra il composto e il recettore. Li hanno poi nutriti per 24 giorni con una dieta costituita per il 15% da broccoli, somministrando loro un elemento in grado di provocare disturbi digestivi.

Al termine dell’esperimento, è emerso che i topi con una maggiore capacità di legame erano risultati protetti dalla sostanza nociva, mentre gli altri avevano sviluppato problemi intestinali.

Gli autori precisano che, per ottenere benefici, gli umani dovrebbero consumare circa tre tazze e mezzo di broccoli oppure una tazza di cavolini di Bruxelles al giorno.

 

Fonte: Ok Salute e Benessere, dicembre 2017

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *