Tanta frutta e verdura per combattere l’afa!

Risultati immagini per frutta di stagione estiva

I vegetali contrastano la disidratazione, reintegrano i sali minerali persi con il sudore, limitano i danni dei radicali liberi prodotti con l’esposizione al sole. Ecco perché non devono mai mancare sulla tavola.

La colonnina di mercurio supera i 30 gradi e l’afa è opprimente. Oltre che con aria condizionata e ventilatori, potete combattere il gran caldo estivo anche a tavola. Il consiglio è quello di limitare i cibi grassi e difficili da digerire, come carne rossa, salumi,
fritti, condimenti ricchi di burro o panna e di prediligere cereali integrali, yogurt, sorbetti, ma soprattutto tanta frutta e verdura di stagione.

  • Mettendo nel piatto vegetali di tutti i colori (bianco, rosso, verde, giallo-arancione, blu-viola) potrete, infatti, contrastare la disidratazione, reintegrare i sali minerali persi con il sudore, combattere i danni dei radicali liberi prodotti con l’esposizione al sole. Non solo.

Inserire nel menù le cinque porzioni (tre di verdura e due di frutta) consigliate
dall’Organizzazione mondiale della sanità aiuta a mantenersi in forma, soprattutto durante i mesi più caldi, quando l’organismo ha bisogno di meno calorie rispetto all’inverno perché non deve contrastare le basse temperature.

Ma quali prodotti dell’orto e del frutteto è meglio scegliere? Tra la frutta, da consumare dopo i pasti oppure come spuntino a metà mattina o a metà pomeriggio, preferite quella più ricca di acqua, come meloni e cocomeri. Bene anche fragole, ciliegie, albicocche, pesche.

Tra le verdure, scegliete soprattutto carote, finocchi, pomodori, cetrioli, peperoni, sedano, zucchine, che potrebbero essere consumati anche all’inizio dei pasti per limitare il senso di fame. In generale, un’alimentazione equilibrata e varia dovrebbe consentire di fare il pieno di tutti i nutrienti necessari.

In alcuni casi selezionati e sempre sotto controllo del medico, può essere utile arricchirla con integratori specifici.

 

Fonte: un articolo di Roberta Beghini su Ok Salute e Benessere, luglio/agosto 2017

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *