Alimenti: questi sono sfiammanti!

Risultati immagini per verdure a foglia

Ancora una volta, in prima linea ecco i vegetali, con la loro ricchezza di antiossidanti. Non bisogna farsi mancare verdure a foglia e ortaggi di colori accesi. Come frutti eccellono quelli di bosco, l’uva e gli agrumi.

  • I cereali integrali contengono fibre e proteine, inoltre sono completi di germe. Rallentano l’assorbimento degli zuccheri, rivelandosi meno infiammatori.
  • Con i legumi formano l’associazione completa di amminoacidi di origine vegetale.

Questo equilibrio è particolarmente favorevole perché non alza l’indice glicemico del pasto né crea produzione di insulina.

Un occhio di riguardo, poi, per i grassi: alcuni sono infiammatori, ma altri, come avocadi e olive, consumati senza esagerare forniscono lipidi sfiammanti, e così l’olio extravergine, soprattutto se non è usato in cottura. Anche i semi oleosi danno grassi di qualità.

Le mandorle, in particolare, riducono le citochine infiammatorie, mentre i semi di lino e di chia forniscono gli Omega-3, eccezionali antinfiammatori.

  • Non dimentichiamo poi il contributo sfiammante di spezie come curcuma, zenzero e cannella.

La buona notizia è che si può anche mangiare un po’ di cioccolato fondente (cacao minimo 80%): contiene infatti antiossidanti, antinfiammatori e grassi validi; grazie ai suoi componenti, è poi un alleato contro lo stress.

 

Fonte: tratto da un servizio di Giuliana Lomazzi su Più Sani Più Belli, aprile 2017 – con la consulenza della biologa nutrizionista Francesca Scarlatti

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us