Alimentazione: occhio, possono “avvelenarci” anche gli eccessi di sale e zucchero!

Risultati immagini per zucchero e sale

Parliamo di SALE:

  • Con il sale, grazie all’equilibrio tra sodio e potassio, il nostro corpo mantiene le cellule vitali e in grado di comunicare tra loro. Ne basta poco: per l’Organizzazione mondiale della sanità, non più di 5 grammi al giorno di sale da cucina (un cucchiaino da tè).

Gli italiani arrivano invece a 13-14 grammi al giorno, tenendo conto anche di quello già contenuto negli alimenti pronti (sostituti del pane, salumi, formaggi, sughi, conserve, piatti surgelati ecc.). Troppo sale favorisce l’aumento della pressione arteriosa, l’incremento di peso, i calcoli renali, l’osteoporosi e il tumore dello stomaco.

Parliamo di ZUCCHERO:

  • Se non pratichiamo tutti i giorni la corsa, l’allenamento con i pesi o uno sport di potenza, possiamo fare a meno dello zucchero aggiunto negli alimenti. Nel nostro corpo si trasforma in grasso e sottopone l’organismo a frequenti picchi di insulina che provocano uno stato di infiammazione alla base delle principali malattie: cardiovascolari, obesità, diabete, tumori, Alzheimer.

«Troppo zucchero altera anche la flora intestinale, sbilanciandola verso una maggiore popolazione di batteri del tipo Firmicutes, attivatori di geni che possono portare allo sviluppo di malattie cronico-degenerative», avverte Laura Di Renzo.

 

Fonte: tratto da un servizio di Barbara Merlo, con la consulenza della nutrizionista Laura Di Renzo, docente di Scienze Tecniche Dietetiche Applicate presso il Dipartimento di Biomedicina Università Roma Tor Vergata – Airone, marzo 2017

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *