I cibi e la loro acqua “nascosta”!

  • La pasta e riso, con la cottura, aumentano di 6-7 volte il loro contenuto iniziale di acqua, passando dal 12% al 74%.
  • Per le patate è determinante il tipo di cottura scelto: se bollite aumentano leggermente la percentuale di acqua rispetto al crudo, che da 78,5% passa a 80%, ma la perdono se vengono cotte arrosto (65%) oppure fritte (55,5%).
  • Se si vuole un pane con un più alto tasso di umidità è meglio scegliere le pezzature grandi rispetto alle comuni michette, più asciutte e croccanti. Molto ricco di acqua è il pane di segale a lunga conservazione.
  • La carne e il pesce, a prescindere dal tipo di cottura, perdono sempre un po’ di acqua per effetto del calore.
  • I formaggi più sono stagionati meno acqua possiedono. II grana ne ha solo il 31,5% a differenza di un formaggio freschissimo come la ricotta, che arriva al 75%.

Fonte: Intimità, 11/11/15

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *