L’olio d’oliva extravergine seduce anche la ricerca scientifica….

olio-venetoNessun dubbio, se è di oliva e soprattutto se è genuino al di là di ogni sospetto, l’olio fa bene.

Anzi, benissimo. Meglio ancora, cura.

Di più, può esser considerato una medicina a pieno titolo: made in Abruzzo (garantisce la Fondazione Mario Negri Sud), ecco l’extravergine di oliva nutraceutico (cioè con almeno 2 mg di vitamina E e 5 di composto fitochimico idrossitirosolo in 20 g di prodotto) e, dunque, altamente antiossidante, che si vende in farmacia.

  • Quanto all’extravergine delle colline viterbesi, è alla ribalta per aver animato uno studio tutto italiano incentrato sul diabete.

E, a proposito di ricerche accademiche: è di quest’anno l’articolo sulla rivista Molecular and Cellulare Oncology, nel quale un pool di studiosi (chimici, biologi e nutrizionisti) illustra la potenziale proprietà antitumorale di uno specifico polifenolo dell’extravergine, l’oleocantale.

Quest’ultimo, per il mensile Chemical Neuroscience, ridurrebbe anche il rischio di Alzheimer.

Uno studio spagnolo è andato ancora più in là e, dopo aver monitorato per anni più di 4mila donne tra i 60 e gli 80 anni, ha mostrato che un’alimentazione di stile mediterraneo con extra dosaggio di olio d’oliva (1 litro alla settimana per nucleo familiare!), aveva ridotto di oltre due terzi i nuovi casi di carcinoma mammario.

  • Del resto, le lodi ormai abbondano: se di ottima qualità, l’extravergine proteggerebbe dal colesterolo cattivo, dall’infarto, dalla pressione alta, dall’arteriosclerosi, dall’invecchiamento cellulare, dall’ictus (lo dicono in Francia).

Detto questo, la sempre più celebrata salubrità della ‘spremuta d’oliva’ sta portando con sé una riscoperta delle virtù (e della bontà in cucina) degli altri oli, amati soprattutto, dai curiosi di cibo, dai salutisti puntigliosi, dagli chef di altri continenti.

A ciò collabora la direttiva dei Larn (Livelli di assunzione raccomandata di nutrienti per la popolazione italiana), che consigliano una dieta rispettosa del giusto rapporto tra Omega 6 e Omega 3, il che prevederebbe pure un consumo di olio di noci, canapa, lino, canola.

  • Una considerazione arriva anche dai nutrizionisti asiatici: dal momento che nessun olio, neanche il glorioso extravergine, conterebbe, da solo, tutti gli acidi grassi essenziali al nostro organismo, la cosa migliore sarebbe la rotazione del tipo di condimento, alla ricerca di un equilibrio tra acidi monoinsaturi (percentuale ottimale del 50% e qui regna incontrastato l’olio d’oliva), polinsaturi (30%, oli di semi di lino, arachidi, vinaccioli, mais) e saturi (20%, olio di cocco e di palma).

Difficile?

Forse

Ma seguire una dieta senza eccessi e variegata vuole già dire molto; tenendo presente che pure l’alimentazione segue la moda: tra gli anni ’80 e ’90 ci fu la beatificazione dell’olio di girasole, ultimamente la demonizzazione (e parziale riabilitazione) dell’olio di palma e la messa in trono, seguita da dubbi, dell’olio di cocco.

Nei post che seguiranno troverai un elenco degli oli da scoprire, riscoprire, utilizzare con cautela: per stare meglio, per variare profumi e sapori.

Articolo di Elisabetta Muritti – fonte D La Repubblica, 17 ottobre 2015

La redazione di Alimentazione Sana consiglia: Olio Extra Vergine di Oliva Bio Levante (provenienza Puglia)

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us