Alimentazione sana: consigli vegani…

Niente bevande durante i pasti, ma solo poca acqua naturale prima dei pasti o 2 ore dopo i pasti; per chi viaggia o fa sport, rifornimento di panini integrali spalmati di crema di olive, con 5 foglie verdi, carciofino, pinoli o noci, pomodoro secco, avocado; soli dessert ammessi (senza zucchero e senza aspartame).

  • Castagnaccio con sultanina-datteri-pinoli, o dolci con farina di manioca (tapioca), o con farina di carrube, o strudel di mele-pere-fichi-banane, o riso integrale cotto nel latte di riso e dolcificato con uvetta secca.
  • Frutta sempre lontano da pranzo e cena, ad eccezione di mele-ananas-papaie che sono ammesse in quanto dotate di enzimi anti-fermentanti.

Vietatissimo invece mescolare meloni e angurie con altri cibi o con le macedonie (sono frutti ottimi ma a rapida fermentazione); in generale, consumare prima le sostanze di facile digeribilità (frutta, che a stomaco vuoto richiede mezz’ora, poi verdure crude 1 ora, poi verdure cotte 2 ore, poi patate-cereali 2-3 ore, poi frutta secca 3 ore).

Il resto:

  • respirare a fondo,
  • passare tempo all’aria aperta,
  • esporre la pelle nuda all’aria, all’acqua, al sole.

Infine, vivere in armonia con la natura e gli animali. E mai consumare cibo quando non c’è appetito, quando si è tesi, nervosi, stanchi, eccitati.

Fonte: La Cucina della Salute, speciale del quotidiano La Nazione

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *