Perché usare l’olio italiano di alta qualità?

  • I sott’oli fatti in casa sono una riserva di sapore genuino. La materia prima utilizzata, che va raccolta perfettamente matura, è carica di fragranza, e non ha avuto alcun contatto con prodotti inquinanti e con fitofarmaci potenzialmente tossici, se è stata coltivata con metodi bio.
  • I prodotti dell’orto, raccolti a casa o scelti fra quelli biologici in mercatini e supermercati, meritano un olio extravergine di oliva di alta qualità, per insaporirsi bene e risultare ancora più salutari, oltre che gustosi.
  • L’olio ideale è un extravergine d’oliva proveniente da olive italiane e lavorato nel nostro Paese (si tratta di indicazioni obbligatorie in etichetta, che va quindi letta con attenzione), spremuto a freddo per non modificarne la struttura fisica attraverso il calore e lavorato unicamente con procedimenti meccanici, tramite schiacciamento delle olive, senza uso di solventi chimici.
    L’olio viene filtrato per evitare che i residui alterino il gusto nel tempo e confezionato in bottiglie di vetro scuro perché la luce favorisce l’ossidazione degli acidi organici insaturi, è preferibile che sia riportata l’indicazione dell’acidità, il cui tetto massimo, per legge, è di 0,8. Un olio con queste caratteristiche certamente non costa poco, ma è la scelta migliore sia per la nostra salute che per ottenere verdure sott’olio dal sapore ottimo.

Fonte: Natù, n°3/2015

La redazione di Alimentazione Sana consiglia: Olio Extravergine di Oliva Biologico Italiano

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *