Formaggi erborinati: come sceglierli…

Sono ricchi di sali minerali, vitamine del gruppo B e muffe della famiglia delle penicilline, ecco come riconoscere i migliori.

ROQUEFORT:   

è l’erborinato più famoso, fatto con latte crudo di pecora e maturato in grotte naturali; la pasta è bianca, grassa e burrosa e l’erborinatura è a macchie, con un sapore deciso; all’acquisto assicurati che abbia il marchio d’origine europeo (Aop, in Francia) e gustalo con verdura e frutta.

360 calorie per 100 grammi

GORGONZOLA DOLCE:

è quello nazionale, preferito dal 91% di consumatori (rispetto alla versione piccante); la pasta risulta molto cremosa e ha un’erborinatura tendente all’azzurro (sceglilo a marchio Dop); servilo non troppo freddo per mantenere la cremosità; ottimo con il pane abbrustolito o una costa di sedano.

314 calorie per 100 grammi

GORGONZOLA PICCANTE: 

il re degli erborinati italiani è ottenuto da latte vaccino, presenta una pasta consistente con un’erborinatura abbondante e diffusa, un odore intenso e un sapore pungente; alcuni caseifici lo producono ancora come un tempo, con la tecnica delle ‘due paste’ (si mescola la cagliata della sera con quella del mattino), ma anche il tipo a una pasta sola raggiunge ottimi livelli; assicurati che riporti il marchio Dop; l’abbinamento ideale? Uva, noci e un bicchiere di passito.

358 calorie per 100 grammi

STILTON:

il Blue Stilton è tra i pochi formaggi britannici a fregiarsi del marchio d’origine europeo per il Regno Unito (Pdo, rilasciato solo alle forme perfette); prodotto con latte vaccino, ha forma cilindrica e venature blu delicate, che si irridano dal centro; il tipo fresco è friabile e risulta leggermente acido, quello stagionato presenta una pasta più liscia (quasi burrosa) con un sapore rotondo; sta molto bene con il pane all’uvetta.

320 calorie per 100 grammi

Da sapere:

se possibile, quando compri un formaggio erborinato, annusalo: l’odore dev’essere intenso, ma non ricordare marcatamente l’ammoniaca (in questo caso noterai anche che le muffe sono presenti in modo eccessivo).

Se il formaggio è Dop, la crosta non risulta bombata o eccessivamente convessa (indice di difetti di lavorazione o presenza di microbi che producono gas); la pasta, inoltre, è morbida ma non liquefatta.

 

Un articolo di Giorgio Donegani – Fonte: Starbene, 3 novembre 2014

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us