Cavolo nero…

Viene definito cavolo senza testa, essendo costituito da ciuffi di foglie bollose di colore verde scuro, con riflessi bluastri, disposte come le fronde di una palma (da cui anche il nome palmizio).

  • In cucina.
    Diffuso in particolare in Toscana e in Italia meridionale, è l’ingrediente per eccellenza della ribollita. Oltre che in minestre e zuppe, spesso in abbinamento con i fagioli, si può impiegare nella preparazione di pesto per condire la pasta o creme per le bruschette.

Fonte: News, febbraio 2011

La redazione di Alimentazione Sana consiglia: Il cavolo nero: Coltivazione e usi alimentari

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *