Cipolla, frusta ingenerosa per melanzane e zucchine

colori 151Guardate, se ne avete la fortuna, un orto.

Di questi tempi, se l’ortolano è ispirato, è un’opera d’arte contemporanea.

Una installazione: canne spigolose e ricurve dolcemente appesantite dai pomodori, insalata briosa e spavalda che orla la terra, ricamandola.

Melanzane obese, di una opulenza garbata, e poi le docili zucchine.

Il modo migliore e purtroppo più comune per deprimerle è inzaccherarle con la cipolla, peggio se con soffritto.

La cipolla ha una tendenza dolce che, sciolta in olio (specie se di bassa lega) diventa puzza invadente e invasiva su molti alimenti.

  • Figurarsi su una figura esile e dalla tendenza fresca e verde come la zucchina.
  • La czucchine_carpaccioipolla per la zucchina è una frusta ingenerosa.

Ne picchia il gusto che invece potrete valorizzare con un paio di carezzevoli ricette: cruda, a fette sottilissime macerata con limone, vino bianco di qualità, sale ed erbe aromatiche a scelta.

Oppure scottata con olio e.v.o., aglio in camicia schiacciato, pomodoro, pendolino, sale, dadolata di guanciale e spolverata di parmigiano (per quest’ultima pensata serve un vino di buona freschezza e acidità, che deterga la tendenza grassa del guanciale e giochi, ma delicatamente, con l’amica verde dell’orto dei miracoli).

Articolo a cura di Davide Eusebi – fonte La Nazione, 19 luglio 2015

La redazione di Alimentazione Sana consiglia il libro: Il mio orto biologico – di Enrico Accorsi e Francesco Beldì

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *