L’irresistibile profumo del basilico…

Oggi il basilico può essere coltivato in serra anche nei mesi freddi, ma il più fragrante è certamente quello prodotto all’aperto da primavera a tutta l’estate.

In particolare, le foglie sono profumatissime subito prima della fioritura, che avviene in vari momenti secondo il tempo di semina.

Le varietà di basilico pìù diffuse sono il genovese Dop* (base del pesto ligure; a foglia media e fragranza intensa), il napoletano (a foglia grande con un vago sentore di menta), il fine (a foglia piccola di gusto dolce) e il mammouth (a foglia molto grande di gusto erbaceo).

Aroma al sicuro
Si mantiene 3 giorni in frigo in un sacchetto di plastica con qualche forellino.

Se ha le radici, tenetelo in acqua come un bouquet, lontano dal sole.

Le foglie, pulite con un panno umido e messe sott’olio, sono ottime per i sughi: si conservano a lungo e regalano una fragranza eccezionale anche all’olio.

Fonte: Cucina Moderna, aprile 2010

La redazione di Alimentazione Sana consiglia I segreti di Nonna Perla – Basilico

 

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *