Carciofo di Paestum Igp…

  • L’indicazione Geografica Protetta designa i capolini tondi e privi di spine che appartengono alla famiglia del “romanesco” prodotti nel territorio di 14 comuni della provincia di Salerno.
    Il classico clima mediterraneo, con inverni miti e piovosi ed estati caldo-asciutte, ne ha favorito la presenza fin da tempi antichi.
  • Caratteristiche. La tipica precocità consente al Carciofo di Paestum di essere presente sul mercato da febbraio, prima di ogni altro carciofo di tipo romanesco.
    Particolarmente tenero e delicato, è riconoscibile dall’aspetto rotondeggiante, dalla compattezza e dalla totale assenza di punte.
  • In cucina. È ottimo al naturale in pinzimonio o lessato, fritto oppure ripieno al forno.

Fonte: In Tavola, marzo 2014

La redazione di Alimentazione Sana consiglia Carciofi. Antipasti, primi, secondi

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *