Adori i germogli? Ecco come coltivarli…

Adori i germogli? Ecco come coltivarli…

I germogli possono trovare svariati impieghi in cucina: ottimi aggiunti alle insalate e conditi con un filo d’olio e un pizzico di sale, possono accompagnare piatti di carne e di pesce, insaporire pasta e risotti.
Imparare a coltivare i germogli, non solo di soia, ma anche di cereali e legumi. I semi germogliati sono ricchi di vitamine, enzimi e sali minerali. Facili da preparare si prestano ad arricchire insalate, primi piatti e dessert.
Quelli di soia li conosciamo bene. Ma i germogli sono molti di più.

 

Come procurarseli
Potete provare nei negozi d’alimentazione macrobiotica o, con più probabilità e un minimo sforzo, coltivarli direttamente in casa.

Come fare
Facilissimo, basta acquistare le sementi in erboristeria o nei negozi d’alimenti naturali.

  • Mettere una manciata di semi in un colino e sciacquarli accuratamente sotto il getto d’acqua fredda;
  • Disporli sul fondo di un barattolo di vetro o di porcellana molto capiente e coprirli d’acqua;
  • Chiudere il barattolo con una garza o un tovagliolo di carta e fermarlo con un elastico;
  • Mettere il barattolo al buio (i semi cominceranno a germogliare nel giro di poche ore);
  • Cambiare l’acqua del barattolo una o due volte il giorno, i semi saranno pronti entro pochi giorni;
  • Prima di consumarli, esporli alla luce per qualche ora per farli arricchire di clorofilla.
NOTA BENE: usare solo semi provenienti da agricoltura biologica.
Come conservarli

Riporli in contenitori di vetro o in sacchetti di carta e tenerli in frigorifero (nel  cassetto delle verdure);

· scottarli in acqua e aceto e poi conservarli in un barattolo di vetro a chiusura ermetica (coperti d’aceto di mele);

· surgelarli dopo averli scottati in acqua bollente e scolati con cura.

Prima di utilizzare i germogli bisogna lavarli sotto l’acqua corrente ed eliminare le bucce dei semi, quindi scolarli bene.

I germogli ottenuti da cereali e legumi sono una ricca fonte d’enzimi (sostanze presenti anche nella frutta e nella verdura ma in percentuale inferiore rispetto ai germogli, che contribuiscono a prevenire numerose malattie).

Inoltre, contengono fosfati, antiossidanti, vitamina A e vitamine del gruppo B. I germogli sono anche l’ideali per combattere stress, spossatezza e stanchezza.

Ci sono molti cereali e legumi adatti alla germinazione, ma per alcuni non è consigliabile, ad esempio quelli di soia richiedono numerose cure durante i primi giorni di germinazione, quindi meglio acquistarli già pronti.

 

Attenzione; i semi germogliati di alcuni vegetali contengono sostanze tossiche, quali evitare? Quelli di pomodoro e quelli di patata.

 

I germogli di crescione sono ricchi di ferro, potassio, calcio e vitamine C e E. Utili per dare una sferzata di energia.

I germogli di girasole sono utili per chi pratica sport (prevengono i dolori ai muscoli dopo l’attività fisica).

I germogli di soia tengono sotto controllo gli sbalzi ormonali legati all’arrivo della menopausa, attenuano i sintomi premestruali e combattono l’osteoporosi.

I germogli di avena sono ricchi di proteine, fosforo, carboidrati, magnesio e vitamine B1 e B2. Utili per un’azione diuretica e leggermente lassativa.

I germogli di cipolla sono efficaci invece per combattere la cellulite.

I germogli di miglio contengono ferro, potassio, fluoro e lecitina, migliorano l’aspetto della pelle, danno forza ai capelli e alle unghie fragili.

———————————————

 

 Nota dalla Redazione di Alimentazione Sana:

  • questo post è stato creato dalla ricerca e assemblaggio delle informazioni tratte da fonti varie (libri, Wikipedia, riviste, ecc.). Ci scusiamo con te se non siamo in grado di citare, nello specifico, ogni fonte.
  • È stato uno dei nostri primi post scritti in rete (all’epoca eravamo giovani e inesperti, non davamo peso all’importanza delle fonti da citare).
  • L’articolo è tratto da uno dei nostri blog “storici”, Cucina Naturale, trovi l’originale a questo link

 

Fonte immagine: https://it.m.wikipedia.org/wiki/File:Kongnamul_(soybean_sprout).jpg

 

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *