Chi fa una colazione ricca ha meno probabilità di presentare danni all’arteria iliofemorale