Latte scaduto? Cosa fare…

Immagine correlata
Fonte immagine:
https://www.siommms.it/il-latte-vaccino-un-alimento-da-rivalutare/

 

«Il latte», illustra Vania Patrone, «è un alimento particolarmente delicato in quanto di origine animale: presenta sempre una carica microbica, talvolta anche dai livelli piuttosto elevati, che dipende dalle condizioni igieniche della vacca, della mungitura e del trasporto».

  • Per quello fresco pastorizzato è prevista una scadenza a sei giorni, ma Patrizia Laurenti concede una proroga massima «di uno o due giorni. Da scaduto non diventa velenoso, ma è acido, quindi sgradevole. Siccome è anche portatore di flora microbica non fisiologica, può provocare mal di pancia o dismicrobismo intestinale (vomito e diarrea)».

Se la bevanda ha, invece, subito un trattamento termico più incisivo, come lo UHT (Ultra High Temperature), la contaminazione microbica è ridotta drasticamente e si ha allora un Tmc di 90 giorni, dopo il quale può ancora essere consumato per sei mesi

(fonte: Manuale per corrette prassi operative per le organizzazioni caritative della Caritas Italiana e della Fondazione Banco Alimentare).

 

Fonte: estratto da un bel servizio di Marco Ronchetto su Ok Salute e Benessere, maggio 2019

Zymil Latte Speciale, in valigetta da 6 bottiglie, scremato, senza lattosio (AMAZON)
€18,93 + 4,90 di spedizione

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *