Grani antichi: perché fanno bene! (Un articolo della nutrizionista Annarosa Pretaroli)…

Risultati immagini per grani antichi
Fonte immagine: https://www.amoreterra.com/magazine/it-IT/articolo/grani-antichi-che-cosa-sono

 

Ogni regione ne produce diverse varietà: Senatore Cappelli, Saragolla, Tumminia, Grano monococco e tanti altri, varietà prima conosciute solo a livello locale e ora diffuse nei negozi di alimenti biologici, nei negozi alimentari specializzati in prodotti artigianali e nei mercatini dei contadini.

  • L’universo dei grani antichi è assai variegato e impiegarli per preparare pasta, pane, pizze e dolci offre un ottimo nutrimento, energia e un effetto benefico sulla salute dell’uomo e della Terra perché sono varietà rustiche e naturalmente più resistenti all’attacco dei parassiti.

La maggior parte delle farine presenti oggi sul mercato deriva da grani moderni, frutto di ibridazione e selezioni di diverse varietà, per ottenere la massima resa e
un contenuto maggiore di glutine, sostanza che facilita la preparazione industriale di pasta, pane e dolci.

√ I grani antichi, invece, non manipolati dall’uomo, contengono una quantità minore di glutine e sono più digeribili. Alternandoli ai prodotti attuali, anche per i bambini, si allontana la possibilità di sviluppare la sensibilità al glutine, sempre più frequente negli ultimi anni, mentre sono comunque vietati per chi soffre di celiachia.

√ I grani antichi vengono generalmente lavorati con la macinazione a pietra e la farina che si produce è poco raffinata: in questo modo si preserva il germe di grano ricco di vitamine del gruppo B, di acidi grassi essenziali e di vitamina E che, in sinergia, proteggono il sistema cardiovascolare.

√ Ma c’è di più. Rimane anche una parte del rivestimento esterno, la crusca, fonte di due fibre vegetali diverse: la prima, solubile, che aiuta, grazie alla sua capacità saziante, a moderare l’appetito. La seconda, insolubile, utile per la funzionalità intestinale e con un effetto regolatore: seleziona infatti una flora batterica fermentativa, cioè buona, per combattere l’attacco di microrganismi patogeni.

√ Pasta, pane e biscotti preparati con farine di grani antichi hanno colore, profumo e gusto particolari, certamente sono più costosi perché frutto di piccole produzioni agricole, ma sono coltivati con accuratezza e con maestria, sono di ottima qualità e sicuramente del territorio.

 

A questo link, trovi una bellissima intervista alla nutrizionista Annarosa Pretaroli su News of Gossip

 

Fonte: un articolo della dottoressa Annarosa Pretaroli, tratto da Di Più Tv Cucina, allegato al n°15/2019 di Di Più

Grani Antichi
Una rivoluzione dal campo alla tavola, per la salute, l’ambiente e una nuova agricoltura
€13,60
Acquistalo su Il Giardino dei Libri a questo link
Be Sociable, Share!

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *