Italia, regno dei carciofi!

Risultati immagini per carciofo di perinaldo

L’Italia è tra i primi paesi al mondo nella produzione di carciofi; le regioni più prolifiche sono Sardegna, Sicilia, Liguria, Toscana, Lazio e Puglia.

Le varietà si possono dividere a seconda della stagione di raccolta (autunnali rifiorenti e primaverili) e della forma e qualità del frutto (gli spinosi da una parte e gli inermi, con romaneschi e violetti, dall’altra).

Spinosi: c’è lo spinoso di Melfi, presidio Slow Food siciliano, e quello di Sardegna DOP dall’intenso profumo floreale.

Romaneschi: c’è il carciofo violetto di Castellammare e quello bianco di Pertona, presidi Slow Food; e poi il Tondo di Paestum IGP e il romanesco di Ladispoli.

Violetti: tra le varietà pregiate ci sono quello di Perinaldo e quello di Sant’Erasmo, entrambi presidi Slow Food; poi c’è il violetto di Catania con le sue diverse varianti locali, e quello di Toscana e della Val di Cornia dalla forma ovale.

Fonte: We Veg, marzo 2017

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *