Grassi, non sono tutti uguali: parla la dietista Ersilia Troiano!

Risultati immagini per avocado

Omega 3 e monoinsaturi da una parte, acidi grassi saturi e trans dall’altra. I grassi non sono tutti uguali e non tutti vengono nel piatto per nuocere.

Sapevate che i grassi sono indispensabili per l’organismo?

Numerose, infatti, le funzioni metaboliche che svolgono, dalla più conosciuta, quella di costituire un’importante riserva energetica, alle meno note: costituiscono le pareti delle cellule, aiutano lo sviluppo e la funzione cerebrale (circa il 60% del nostro cervello è costituito da grassi) e trasportano alcune vitamine, le liposolubili, come la A, la D, la E e la K.

Un pieno d’energia

  • A dispetto del loro nome, i grassi non fanno ingrassare, perché non è un singolo nutriente a causare l’aumento di peso, ma l’energia (ovvero le calorie) assunta e soprattutto l’equilibrio tra quella assunta e quella spesa.

Dunque, se si mangia più di quanto è necessario rispetto ai propri fabbisogni, l’eccesso di calorie verrà accumulato sotto forma di grasso corporeo, indipendentemente da dove provengano calorie, proteine, grassi o carboidrati.

E’ anche vero, però, che gli alimenti ricchi di grassi forniscono molta più energia, a parità di peso, degli altri (1g di grassi apporta 9 kcal a fronte delle 4 circa di proteine e carboidrati), motivo per cui è più facile incorrere in eccessi calorici. Quando si parla di grassi, inoltre, è proprio il caso di dire che non sono tutti uguali.

Tra i grassi buoni vi sono innanzitutto gli omega 3 e i grassi monoinsaturi: entrambi possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e a migliorare la salute cardiovascolare.

Il grasso è fatto!

Effetto opposto hanno gli acidi grassi saturi e, soprattutto, gli acidi grassi trans, che provengono dai grassi parzialmente idrogenati e sono di “derivazione industriale”, ovvero utilizzati soprattutto in prodotti confezionati dolci e salati. Tuttavia negli ultimi dieci anni l’industria alimentare ha diminuito parecchio il loro impiego, proprio a causa dell’effetto aterogeno che producono.

Attenzione, però, a non confonderli con i grassi idrogenati. L’idrogenazione non è, infatti, un processo “cattivo” perché un’idrogenazione completa evita la formazione di acidi grassi trans.

  • E i grassi totalmente idrogenati sarebbero quindi da preferire a quelli parzialmente idrogenati.

C’è un problema, però: la normativa comunitaria in vigore prevede l’indicazione obbligatoria del tipo di oli e grassi utilizzati, indicandone la varietà vegetale ma non il grado di idrogenazione, come invece accade negli Stati Uniti. Con il risultato che il consumatore non è al momento in grado di sapere se quel grasso sia totalmente o parzialmente idrogenato.

 

Fonte: un articolo della dottoressa Ersilia Troiano, Presidente Associazione Nazionale Dietisti, Nuovo Consumo, giugno 2017

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *