Fai il pieno di vitamina C per il sistema immunitario!

Risultati immagini per kiwi

Non solo, il kiwi ti rifornisce anche di magnesio e potassio, due minerali che ti danno tanta energia. E di fibre, che ti aiutano ad abbassare il colesterolo.

  • È un’autentica forza della natura. «Prima di tutto perché contiene una miniera di vitamina C. Ne possiede 85 mg per etto, molto di più, per esempio, di un’arancia (50 mg per etto)», spiega Evelina Flachi.

«E poiché il fabbisogno giornaliero di vitamina C è, in genere, di 60 mg (80- 90 per le donne in gravidanza e allattamento, terza età e fumatori), un solo kiwi (80-90 grammi) basta a soddisfare le nostre esigenze».

Le virtù della vitamina C

Rinforza il sistema immunitario, protegge le membrane cellulari dall’assalto dei radicali liberi, stimola la produzione di collagene da parte dei fibroblasti del derma e combatte la fragilità capillare.

  • Non solo. «La vitamina C favorisce la cicatrizzazione delle ferite. Facilita l’assorbimento intestinale del ferro, indispensabile per la formazione dei globuli rossi, ed è un potente antiossidante che inibisce la produzione di nitrosammine, composti potenzialmente cancerogeni che derivano dai nitriti e dai nitrati, sostanze usate come conservanti (in quantità limitate per legge) dall’industria alimentare», aggiunge la ricercatrice Nicoletta Pellegrini.

«Inoltre presiede al buon funzionamento del sistema nervoso, perché interviene nella biosintesi di alcuni neurotrasmettitori, come le catecolammine: responsabili del nostro equilibrio mentale».

Gli altri pregi nascosti

«L’elevato contenuto di fibre, tra le quali primeggiano le pectine, ci dà una mano contro la stipsi e nelle diete dimagranti. Il kiwi, infatti, sazia e non ingrassa: appena 44 calorie per etto», puntualizza Evelina Flachi. «Le pectine in particolare contribuiscono ad abbassare il colesterolo nel sangue, a tutto vantaggio del sistema cardiocircolatorio».

I kiwi sono anche una fonte naturale di magnesio, la cui carenza può causare alterazioni della pressione e disturbi dell’umore.

  • Anche il basso contenuto di sodio (5 mg per etto) e l’alto quantitativo di potassio (400 mg per etto) possono aiutare il buon funzionamento del cuore. Un paio di kiwi dopo l’attività fisica, ad esempio, reintegrano il potassio perso con la sudorazione, specie in estate.

Il consiglio in più

Se non ami il gusto un po’ asprigno di questo frutto, provalo nella varietà gold: è a forma di fico, con la buccia glabra, la polpa giallo-oro e un gusto più dolce del kiwi verde.

  • Se appena comprati i frutti sono ancora un po’ duri e acerbi, riponili vicino a frutta (come mele, banane o pere) che produce etilene, una sostanza volatile che favorisce il processo di maturazione.

 

Fonte: un articolo della dottoressa Evelina Flachi, tratto da un vecchio numero di Starbene

Alimentazione Sana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *